Dietro a un bluff la verità si nasconde nel mistero delle verità mai dette

Quando Chi Song Zi, ovvero il Maestro del Pino Rosso (7000 a.C.) diceva:
“Osservare per essere osservati”, sapeva di mentire. La menzogna, se vogliamo, assume un carattere propositivo, anche perché, a dirla tutta, potrebbe anche non essere una menzogna. Il Maestro intendeva dire che, in un esempio di “osservazione” a contatto con la natura, stando fermi, è possibile osservare ciò che ci circonda sapendo di essere osservati, spogli di ogni mistero e intuizione. In realtà, lui sapeva benissimo che non era così. La mente può nascondere ed emanare il contrario di ciò che il corpo esercita ed emana, in contempo, al suo esterno. Praticamente aveva anticipato, in tempi remoti, anche il concetto delle forme di lotta che, molti millenni dopo, presero forma nella vasta zona della Cina. Una lezione aperta questa, su l’aspetto più importante della menzogna. Il Maestro, ci mette in guardia dalle definizioni attraverso un’introspezione più profonda.
Grazie Maestro Song Zi, il tuo insegnamento non ha prezzo al giorno d’oggi.