L’epilogo

Anche davanti alla notizia, ormai ufficiale da anni, che il latte e i suoi derivati fanno l’effetto inverso rispetto a quello che “gli esperti” ci hanno sempre raccontato, ovvero che il lattosio distrugge le ossa dell’essere umano, e che, l’assunzione forzata funziona un po’ da conto alla rovescia per la struttura ossea di chi ne ha fatto un uso eccessivo fin da piccolo. Davanti a tale notizia, ripeto; ufficiale, basta che cercate sul Web su qualsiasi portale scientifico, ormai le persone non accettano più l’idea di questa gravissima imposizione sociale-sanitaria, certo, perché sono stati i medici, per anni e anni, a imporre l’utilizzo del latte e dei suoi derivati. Ho fatto un test, ho provato a parlare a amici e familiari della cosa, esponendo loro il grave problema, ma ormai l’idea è quella che il latte fa bene alle ossa, anzi, le risposte sono state in linea di massima tutte simili: “Il latte fa bene alle ossa, e tu non sei un medico”. Mi ricorda qualcosa…
Ma che bravi questi medici che si prendono i meriti sui demeriti e le stragi di massa, come per il caso della vaccinazione, io medico posso dirvi che il vaccino fa bene, anche se sono consapevole che esso è un siero sperimentale e comporta gravi danni anche cronici, o addirittura la morte.
Non so se ricordate una nota marca di latte (non italiano, ma di provenienza estera) finita sui giornali per un crack finanziario pagato da tutti i coloro che avevano investito fior di soldi per le azioni milionarie. Vi ricordate la storia dell’aggiunta della Vitamina D nel latte? Ecco, proprio quella che in realtà è un ormone, ve lo dico da NON MEDICO, inserita nei prodotti alimentari è in realtà dannosa. Quella Vitamina D è creata in laboratorio dalle stesse case farmaceutiche che producono farmaci per patologie derivanti da tutto ciò che ingeriamo. Ma che bravi questi manager, ma che bravi questi medici.
Alla fine?
Il danno è fatto, e la patologia dell’Osteoporosi è in costante aumento, anche nei giovani.

Ci vogliono malati, soli, e distrutti a livello psichico. Ma attenzione: arriva il guru di turno; risolve tutto lui.

(Sandro Sainati)

Pubblicità

Il non-sense dell’imbuto

L’umanità disdegna della polarità di mezzo, quella neutra, da dove parte tutto: la scelta. Ormai, per troppo tempo, l’uomo si è abituato al dualismo, ed è per questo che fallisce, finché non capirà questo meccanismo non andrà da nessuna parte.

Non esistono colori, solo accenni, la polarità Yang non è bianca in quanto luce, ma eterea e incomprensibile, stesso discorso per il nero totale dello Yin, non esiste possibilità se ancora non abbiamo avuto la scelta, perché, ad una scelta, corrisponde l’eterno contrario. Ecco perché, anche il Taoismo classico mi sta stretto, perchè pone il dualismo come prassi filosofico-pratica nella quotidianità. Preferisco pensare ad un’eterna oscillazione, che parte da un punto Zero e passa attraverso i cardini opposti, ma percepisco che essi possono essere variati a mio piacimento.

La spirale; questa sconosciuta…

Sandro Sainati

Nella foto il “San Cioi”, la triplice armonia che comprende Yin-Yang-Wo, tre polarità senza spazio/tempo, senza riferimento estetico (colore), ma sempre in movimento di rotazione (oscillazione; cardine della grande Spirale)

Ciao Maestro Bibi ❤️

Sembra scontato ma non lo è affatto; “92 anni non sono pochi” direbbero i molti, soprattutto se passati a cavallo tra grandi soddisfazioni, meriti e amore per le Arti Marziali. Bibi Gufoni non è stato solo un personaggio locale importante per le sue attività sportive di rilievo, ma, sopratutto, è stato un pioniere e un grande Maestro di Karate in tempi non sospetti. Me lo ricordo benissimo, anche perché è stato uno tra i miei Maestri più importanti. Era duro, pignolo e fuori dalle linee, ma di sicuro i risultati con lui riuscivi a raggiungerli.

Grazie Maestro Bibi per essere presente nella mia esperienza e storia marziale.

Un caro saluto e condoglianze a tutta la famiglia ❤️

Maestro Sandro Sainati

È come curare un fazzoletto

Nel mondo, cosiddetto, “olistico”, che per me equivale al nulla, c’è molta concorrenza, forse anche troppa. In giro trovi ogni tipo di servizio; dal massaggio alle unghie, alla dieta delle formiche. Il problema è che questo mondo non ha una base tradizionale alle spalle, perché misconosce l’autentico insegnamento, rivendicando il diritto all’auto apprendimento, soprattutto con l’avvento del Web, dei “Tutorial” on line, e video tematici.
Confondere un serio lavoro di ricerca, nato da molti anni alle spalle di esperienze, e con insegnamenti di veri e propri Maestri, è molto facile in questa giungla fatta di diplomi, lauree ad honorem, e tuttofare da strapazzo.
Partiamo con l’idea che, a meno che non venga coinvolta una pratica “invasiva” sul corpo, come per esempio l’agopuntura, è giusto, in quel settore, affidarsi, oltre che ad uno studioso serio con esperienza minima ventennale, a chi a conseguito come minimo la laurea in chirurgia, o Medicina Generale, questo perché quel tipo di pratica, oltre a essere pericolosa, se fatta da una mano inesperta, solo il Medico ha la possibilità di saper affrontare problematiche patologiche e reazioni inaspettate. Chi vi dice il contrario non sa cosa rischia e cosa fa rischiare.
Ecco perché è giusto aprire i mondi tradizionali di tutto ciò che “non è invasivo” a chicchessia, ma che quest’ultimo lo apprenda con rispetto, devozione, umiltà e molto, molto studio, pur mettendo in conto che, anche le cosiddette tecniche non invasive, sottotitolate per il “benessere”, vanno praticare con molta attenzione e approfondita valutazione individuale. Ogni soggetto ha reazioni differenti, e questo vale per tutto; dalle Arti Marziali, alla pratica del massaggio tradizionale cinese, per arrivare all’utilizzo di più o meno tecniche benefiche esterne, compresa la MoXa. Il mio consiglio è quello di informarvi e ascoltare il vostro interlocutore, e in questo caso, vista la facilità nella distribuzione dei “diplomi”, fregarsene delle pergamene attaccate al muro. L’esperienza e la ricerca si notano su un campo neutro, senza aspettative, e di certo non con l’influenza di uno “scriptum”.
Questo è il mio approccio, questo è il mio rispetto. La New Age ha portato solo scompiglio e caos, attraverso falsi guru e psico-sette pericolosissime.

(Sandro Sainati)